Il Progetto

Scritto da Super User on . Postato in Rete d'Impresa

La scelta strategica della Provincia di Pavia

La sfida della familiarizzazione dei servizi alla persona viene attuata attraverso nuove modalità di accoglienza rivolte alle famiglie in un sistema strutturato, come oggi globalmente definito family friendly, caratterizzato da azioni ed attività che coniugano una forte motivazione all’azione (valori relazionali) con elevati livelli di professionalità e di gestione della complessità organizzativa.

Attraverso il progetto si vuole dare vita ad una sperimentazione che porti alla definizione di un SISTEMA FAMIGLIA in un territorio rurale che pone, appunto, la famiglia al centro del proprio sviluppo agricolo-turistico-valoriale, attento ai bisogni ed alle aspettative di ciascun componente delle famiglie, siano esse gradite ospiti che residenti nei comuni oltre padani, in un contesto che valuti la sostenibilità delle azioni parallelamente al disposto del PSR 2007-2013.

Attraverso il piano di sviluppo rurale e, nella fattispecie, attraverso l’azione del “Patto per la promozione dell’uguaglianza di genere e la non discriminazione” , la Provincia di Pavia si è posta l’obiettivo di qualificarsi come territorio che sostiene una nuova forma di accoglienza ed una cura attenta ai bisogni familiari in tutte le sue sfaccettature, recuperando i valori etici e della cultura contadina, senza tuttavia non porre la dovuta attenzione alla sostenibilità del territorio ed alle politiche di sviluppo. In particolare, si è voluto evidenziare il ruolo della donna, sia imprenditrice, già impegnata, a vario livello, nel settore, sia della donna che decide di lasciare un’attività pendolaristica, impegnandosi sul territorio rurale provinciale in un’attività che possa conciliare il lavoro in azienda agricola, e/o a vario titolo in ambito rurale, con il lavoro di cura familiare e parentale.

IL PROGETTO intende gradualmente andare a costituire, sostenere e promuovere una RETE DI AZIENDE FAMILY FRIENDLY attraverso mutui scambi e collaborazioni.

IL PROTOCOLLO D’INTESA

Siglato in data 8 aprile 2011 alla presenza dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Giulio De Capitani, un
Protocollo d’Intesa tra i soggetti partner (Provincia di Pavia, C.C.I.A.A. di Pavia, Gal Lomellina, Gal Alto Oltrepo, CIA, Confagricoltura, Coldiretti, Copagri) per la “costruzione” una rete di imprese femminili  in ambito agricolo turistico valoriale che, attraverso mutui scambi e collaborazioni, metta in campo azioni e attività per implementare politiche volte a  migliorare la qualità di vita in un’ottica di FAMILY FRIENDLY.

OBIETTIVI

  • Sviluppo e implementazione dell’imprenditorialità femminile e familiarizzazione dei servizi alla persona attraverso nuove modalità di accoglienza rivolte alla famiglia in un sistema strutturato globalmente definito di Family Friendly.
  • Valorizzazione del ruolo imprenditoriale femminile in ambito rurale attraverso la costituzione di reti di imprese caratterizzate da una forte motivazione alla polifunzionalità aziendale e allo sviluppo di misure di tutela, di benessere e di recupero della cultura contadina con un’attenzione alle politiche di sviluppo, nuove tendenze di mercato, diversificazione aziendale.
  • Favorire la conciliazione avviando un piano di politiche di conciliazione Famiglia-Lavoro attraverso reti locali, associazioni e reti di imprese che intendano mettere a fattor comune politiche di sostegno alla famiglia e di miglioramento della qualità di vita dei cittadini e city user.
  • Sviluppo territoriale e solidarietà attraverso strumenti ed attività che coniughino valori relazionali con elevati e diversificati standard di professionalità di gestione organizzativa.
  • Agricoltura sociale e recupero valori etici/culturali
  • Implementazione turismo familiare e miglioramento dell’offerta di servizi anche in contesto Expo 2015.
  • Formazione
  • Sviluppo occupazionale