Il Progetto

Scritto da Super User on . Postato in Rete d'Impresa

La scelta strategica della Provincia di Pavia

La sfida della familiarizzazione dei servizi alla persona viene attuata attraverso nuove modalità di accoglienza rivolte alle famiglie in un sistema strutturato, come oggi globalmente definito family friendly, caratterizzato da azioni ed attività che coniugano una forte motivazione all’azione (valori relazionali) con elevati livelli di professionalità e di gestione della complessità organizzativa.

Attraverso il progetto si vuole dare vita ad una sperimentazione che porti alla definizione di un SISTEMA FAMIGLIA in un territorio rurale che pone, appunto, la famiglia al centro del proprio sviluppo agricolo-turistico-valoriale, attento ai bisogni ed alle aspettative di ciascun componente delle famiglie, siano esse gradite ospiti che residenti nei comuni oltre padani, in un contesto che valuti la sostenibilità delle azioni parallelamente al disposto del PSR 2007-2013.

Attraverso il piano di sviluppo rurale e, nella fattispecie, attraverso l’azione del “Patto per la promozione dell’uguaglianza di genere e la non discriminazione” , la Provincia di Pavia si è posta l’obiettivo di qualificarsi come territorio che sostiene una nuova forma di accoglienza ed una cura attenta ai bisogni familiari in tutte le sue sfaccettature, recuperando i valori etici e della cultura contadina, senza tuttavia non porre la dovuta attenzione alla sostenibilità del territorio ed alle politiche di sviluppo. In particolare, si è voluto evidenziare il ruolo della donna, sia imprenditrice, già impegnata, a vario livello, nel settore, sia della donna che decide di lasciare un’attività pendolaristica, impegnandosi sul territorio rurale provinciale in un’attività che possa conciliare il lavoro in azienda agricola, e/o a vario titolo in ambito rurale, con il lavoro di cura familiare e parentale.

IL PROGETTO intende gradualmente andare a costituire, sostenere e promuovere una RETE DI AZIENDE FAMILY FRIENDLY attraverso mutui scambi e collaborazioni.

IL PROTOCOLLO D’INTESA

Siglato in data 8 aprile 2011 alla presenza dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Giulio De Capitani, un
Protocollo d’Intesa tra i soggetti partner (Provincia di Pavia, C.C.I.A.A. di Pavia, Gal Lomellina, Gal Alto Oltrepo, CIA, Confagricoltura, Coldiretti, Copagri) per la “costruzione” una rete di imprese femminili  in ambito agricolo turistico valoriale che, attraverso mutui scambi e collaborazioni, metta in campo azioni e attività per implementare politiche volte a  migliorare la qualità di vita in un’ottica di FAMILY FRIENDLY.

OBIETTIVI

  • Sviluppo e implementazione dell’imprenditorialità femminile e familiarizzazione dei servizi alla persona attraverso nuove modalità di accoglienza rivolte alla famiglia in un sistema strutturato globalmente definito di Family Friendly.
  • Valorizzazione del ruolo imprenditoriale femminile in ambito rurale attraverso la costituzione di reti di imprese caratterizzate da una forte motivazione alla polifunzionalità aziendale e allo sviluppo di misure di tutela, di benessere e di recupero della cultura contadina con un’attenzione alle politiche di sviluppo, nuove tendenze di mercato, diversificazione aziendale.
  • Favorire la conciliazione avviando un piano di politiche di conciliazione Famiglia-Lavoro attraverso reti locali, associazioni e reti di imprese che intendano mettere a fattor comune politiche di sostegno alla famiglia e di miglioramento della qualità di vita dei cittadini e city user.
  • Sviluppo territoriale e solidarietà attraverso strumenti ed attività che coniughino valori relazionali con elevati e diversificati standard di professionalità di gestione organizzativa.
  • Agricoltura sociale e recupero valori etici/culturali
  • Implementazione turismo familiare e miglioramento dell’offerta di servizi anche in contesto Expo 2015.
  • Formazione
  • Sviluppo occupazionale

Allegato 11

Scritto da Super User on . Postato in Rete d'Impresa

Allegato tecnico 11 al PSR

 PATTO PER LA PROMOZIONE DELL’UGUAGLIANZA DI GENERE

Le misure  di intervento, riferibili ai finanziamenti previsti dall’asse 1 e dall’asse 3  del PSR, sono sostanziate in riferimento ad un fenomeno di dimensione crescente che vede le donne abbandonare il lavoro nelle città e, dunque, la connessa condizione di pendolarismo che aggrava il carico di lavoro familiare e domiciliare delle donne che vivono in area rurali, per investire nell’avvio o nell’implementazione di un’attività agricola che permetta loro la prossimità alla famiglia, una migliore qualità di vita ed un maggior grado di soddisfazione personale e professionale.

Il modello V.I.S.P.O. nel PSR  2007-2013

  • L’approfondimento sulla tematica di pari opportunità risulta in linea con quanto previsto  dalla normativa comunitaria ed opportunamente adattato alle specificità della programmazione 2007-2013. La metodologia VISPO  è volta a valutare la “rilevanza di genere” dei fattori determinanti il contesto al fine di una valutazione di come un determinato intervento di politica pubblica possa portare effetti positivi sul grado di partecipazione di genere all’intervento stesso.

Obiettivi:

  • Migliorare l’accesso delle donne al MdL e alla formazione”;
  • Migliorare la condizione delle donne sul lavoro,ridistribuire il lavoro di cura”;
  • Promuovere la partecipazione delle donne alla creazione delle attività socioeconomiche”;
  • Migliorare l’accessibilità delle donne alle norme di incentivazione e sostegno alla creazione d’impresa;
  • Stimolare e sensibilizzare il mondo del credito alla definizione di programmi orientati al genere nell’ambito del credito alle imprese;
  • Orientare e sostenere l’imprenditorialità e il lavoro autonomo femminile verso ambiti produttivi in espansione e/o a carattere innovativo;
  • Favorire la nascita, la localizzazione e la stabilizzazione di imprese femminili, in particolare legate allo sviluppo locale;
  • Predisporre misure di accompagnamento alla creazione d’impresa da parte di donne e diffondere la cultura dell’imprenditorialità.

Sviluppo Rurale

Scritto da Super User on . Postato in Rete d'Impresa

SVILUPPO RURALE IN UN’OTTICA DI GENERE   

Con il Consiglio europeo di Lisbona si sono poste le basi  per favorire l'occupazione, lo sviluppo economico e la coesione sociale nel contesto di un'economia fondata sulla conoscenza e in grado di coniugare la crescita con nuovi e migliori posti di lavoro.
La Strategia, strettamente connessa alle politiche di coesione sociale, è finanziata da fondi strutturali ed agisce in sintonia con l’insieme delle politiche per l’occupazione orientate a sostenere coloro che cercano un lavoro, ma anche ad accrescere la qualità dell’occupazione e l’efficienza complessiva del mercato del lavoro.

L’attenzione della Strategia europea per l’occupazione (SEO) si è focalizzata sulle politiche attive del lavoro, inizialmente individuata sui quattro pilastri: occupabilità, imprenditorialità, adattabilità e pari opportunità.

 

Pari Opportunità

Scritto da Super User on . Postato in Rete d'Impresa

Le Politiche di Pari Opportunità

Sono MISURE che mirano a eliminare e/o diminuire gli effetti delle discriminazioni esistenti ed a promuovere la parità tra uomini e donne nei vari campi. Il Trattatato di Maastricht considera le azioni positive come misure che prevedono vantaggi specifici destinati a facilitare l’esercizio di un’attività professionale da parte delle donne, o a prevenire o compensare degli svantaggi nella loro carriera professionale.

Il mainstreaming

E’ lo strumento di base di tutta la strategia sulla parità. Si tratta di applicare il principio di parità, e quindi di valutare le esigenze delle donne in tutte le politiche comunitarie, al momento dell’elaborazione, dell’attuazione e della valutazione. Il mainstreaming deve attraversare tutte le politiche europee (da quella economica, a quella dello sviluppo rurale-PAC, a quella sociale, a quella della formazione) e tutti i programmi, in modo particolare deve essere presente nell’attuazione dei Fondi Strutturali.
Ogni anno la Commissione elabora un rapporto di valutazione dell’impatto del mainstreaming sulle politiche europee.

Politica Agricola Comune – PAC

comprende le spese di aiuto al reddito agricolo e di sostegno, vale a dire i finanziamenti per sostenere la produttività dell’agricoltura, la stabilità dei mercati, il livello di vita equo degli agricoltori rispetto agli occupati in altri settori produttivi e dei prezzi ragionevoli per i consumatori.
All’agricoltura è destinata circa la metà dell’intero bilancio dell’Unione.


OPPORTUNITA’ DI GENERE  E NON DISCRIMINAZIONE NEL PSR 2007-2013

La presenza femminile in ambito rurale, viene considerata una forte opportunità di crescita e di sviluppo economico.
In particolare, viene fatto riferimento ad alcune linee che caratterizzano il Programma: l’intraprendere e diversificare attività imprenditoriali, particolarmente nelle aree svantaggiate e perurbane, nonché la partecipazione ad attività di programmazione negoziata bottom up, quali i progetti concordati ed i piani di sviluppo locale.
In particolare il PSR intende dare una risposta concreta alla propensione aziendale femminile verso la multifunzionalità e diversificazione ponendo le basi per il consolidamento del sistema polifunzionale agricolo.

 

 

le Aziende

Scritto da Super User on . Postato in Rete d'Impresa

A seguito del percorso di selezione e di formazione svolto nel 2011  è nato un primo circuito, ispirato ai valori di sostenibilità, di pari opportunità e di respnsabilità sociale formato da tre imprese, insieme stanno sperimentando la costituzione della Rete BioNetwork, accompagnata e facilitata da PaviaSviluppo :

  • Azienda Agricola Oikos Abitare Poeticamente la Terra titolare Piera Pisanu
  • Azienda 321GROUP Comunicazione Evolutiva titolare Alessandro Castagna
  • LandiniLab Bio-Editoria e Televisione titolare Patrizia Landini

 

Tale sperimemtazione di rete d'Imprese è stata finanziata da Regione Lombardia sul Piano territoriale di Lavoro Conciliazione famiglia_lavoro, per la realizzazione di due servizi interaziendali di conciliazione (uno di cura e uno di time saving).

Image

Oikos
Abitare Poeticamente la Terra

un progetto di Agricoltura Biologica in cui l'ambiente e' protetto e valorizzato. l'Azienda e' impegnata in azioni per la difesa del paesaggio e della Biodiversita'

Vai al Sito

Image

321GROUP
Comunicazione Evolutiva

un nuovo paradigma utile a diffondere il tuo messaggio che coniuga Efficacia e Crescita interiore per un effetto benefico, ecologico e consapevole.

Vai al Sito

Image

LandiniLab
Bio-Editoria e Televisione

un'occasione per incontrare persone, esperienze, anime, sensazioni, riti, tradizioni trasferite con la passione, che fa della comunicazione un'arte

Vai al Sito